FANDOM

1,941,112 Pages

StarIconGreen
LangIcon
Ribelle A Chi

This song is by Working Vibes and appears on the album Working Vibes (2002).

Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Il giusto spazio sine per contaminare
Il mio modo di pensare col tuo modo di vedere.

Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Il giusto spazio sine per contaminare
Il mio modo di pensare col tuo modo di vedere.

Mi immagino ogni giorno dentro un mondo fantastico,
Con un giardino e un fiume costruiti dentro un plastico,
Un mondo dove non cammini all'ombra dei palazzi,
Un mondo costruito dai ragazzi.
Me lo immagino già, senza politica,
Senza vedere che fa l'effetto di una bomba atomica
E poi mi chiedo che se fossimo soli io e te
Potremmo viverci e scoprire ogni giorno chi c'è.
Io me lo immagino senza strade,
Solo prati dove tutti i bambini giocano,
Io già lo vedo che stò su una spiaggia
Dove il mare è una cosa sola con il cielo.
Questo mondo sarà una parte di noi stessi
Nella quale io ci metto tutta l'anima
E questa nostra città si innalzerà sui resti
Della guerra, dell'odio e della falsità.
Rimmarrà l'incredulità di ciò che diventerà la nostra società.
Oh si, penso che ogni giorno passato qui,
Io questo mio mondo lo vedo così,
Con fiori tropicali, spiagge bianche e colibrì, tutti i dì.

Oratori nei mass-media, di falsa politica,
Lontani dalla realtà come dalla verità,
Venditori di illusioni, di finte occasioni,
Sgiucati cu lu fuecu in troppe situazioni,
Stuzzicati lu cane che poi va'muzzecare,
Lontani e consapevoli del distacco generale
Di chi vi sta a sentire.
Con il vostro fare infognate anche chi ci crede,
Ci lotta ognie giurnu pe'nna megghiu vita,
Reggae non è tittolica, sarà anche dialettica,
Ma prima di tutto è lirica impegnata che volta pagina,
Parla della realtà, di quello che gli dà,
Ribelle fino all'animo di chi l'ascolterà.

Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.

Parlanu, parlanu, gridanu, gridanu,
Poi spessu dicenu la stessa cosa,
Aizzati l'uno contro l'altro dal media di turno,
Eccitati dal pensiero di ciò che rappresentano,
Falsa prospettiva è quella che disegnano,
Labile equilibrio fatto di un momento,
Godono a sbranare, a buttare a mare
Ma glielo leggi in faccia ca stanno a barare.
Deboli e influenzabili li stanno ad imitare
A cominciare da un ufficio dove vige l'arroganza,
A tante famiglie a'dduncè la prepotenza,
A tanti paisi a'dduncè pedofilia,
Si io cantu la mia, sine la rima mia,
Tu lascia che sia sine l'opinione mia.
Iddhri, senza scrupoli, senza coscienza,
Ci se nutre de potere nun se ferma mai cu'ppensa.

Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa.
Ribelle a chi, te dicu ribelle a cosa,
È sulu questione ca manca na cosa

External links