FANDOM

1,940,461 Pages

StarIconGreen
LangIcon
Serenata Napuletana

This song is by Teresa De Sio and appears on the album Toledo e regina (1986).

Dimme, dimme a chi pienze assettata
Sola sola, addereto a 'sti llastre?
'Nfacci'ô muro, 'e rimpetto, stampata
Veco 'n'ombra, e chest'ombra sì tu.

Fresca è 'a notte; 'na luna d'argiento
Saglie 'ncielo e cchiù ghianca addeventa.
E 'nu sciato, ogne tanto, d' 'o viento
'Mmiez'a 'st'aria se sente passà.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma pecché nun t'affacce?
Ma pecché, ma pecché mme ne cacce,
Catarì, senza manco parlà?

Ma ce sta 'nu destino
E io ce credo e ce spero.
Catarì, nun è overo:
Tu cuntenta nun sì.

Catarì, Catarì,
Tu cuntenta nun sì.

Catarì, Catarì, mm'hê lassato.
Tutto 'nzieme 'st'ammore è fernuto,
Tutto 'nzieme t'hê scivete a 'n'ato,
Mm'hê 'nchiantato e mm'hê ditto: Bonnì!

E a chist'ato ca tu mo vuò bbene
Staje penzanno e, scetata, ll'aspiette,
Ma chist'ato, stasera, nun vene,
E maje cchiù, t' 'o ddich'io, venarrà.

No! Nun vene, nun vene.
Ll'aggio visto p' 'a strata
Cammenà, core a core, cu 'n'ata,
E, redenno, parlavano 'e te.

Tu sì stata traduta,
Tu sì stata lassata,
Tu sì stata 'nchiantata,
Pure tu, pure tu.

Catarì, Catarì,
Tu cuntenta nun sì.

External links