FANDOM

1,927,832 Pages

StarIconGreen
LangIcon
​Stop

This song is by Simone Patrizi and appears on the album Piccoli Segni (2002).

Era un giorno qualunque, son partito di notte
Per non prendere botte da mio padre e mia madre
Che credevano ancora fossi un santo di figlio,
Sempre più meno figlio, dire solo coniglio,
Musicante di strada per mangiare di sera
Ritornate domani che bel tempo si spera

Oggi sono a Livorno e mi piace il governo
Ma se scendo più giù non mi piace più più
Anche se lì c'è un cielo certamente più blu

Se mi pizzica il naso di sicuro c'è pioggia
Se mi puzza un'ascella c'è la nebbia e una stella
Una sorta di Santo che indovina la via

Che si gioca le carte tutte in una partita
E gli basta una notte per fumarsi la vita

STOP alle telefonate, il cervello segnala un'errore di fondo
Accidenti si rischia di stare al di fuori del mondo
STOP alle telefonate, il cervello segnala un'errore di fondo
Accidenti si rischia di stare al di fuori del mondo
Al di fuori del mondo.. al di fuori di te..

Non mi pento del fatto di aver fatto un contratto
Solo con la mia pelle senza un cane che abbaia,
Che si morde la coda per un osso da prendere

Che si gioca le carte tutte in una partita
E gli basta una notte per fumarsi la vita.. vita..

STOP alle telefonate, il cervello segnala un'errore di fondo
Accidenti si rischia di stare al di fuori del mondo

STOP alle telefonate, il cervello segnala un'errore di fondo
Accidenti si rischia di stare al di fuori del mondo
STOP alle telefonate, il cervello segnala un'errore di fondo
Accidenti si rischia di stare al di fuori del mondo
Al di fuori dal mondo.. al di fuori di te.. al di fuori di te..