FANDOM

1,928,229 Pages

SicilianoEdit

Tutti li cosi vannu a lu pinninu
ed a lu peju ’un ci si nclina ognunu
a cu duna a cu leva lu distinu
e nun ci pari mai lu nostru dunu.

Nun curri paru lu nostru caminu
pocu cridi lu saggiu a l’importunu
lu riccu mancu cridi a lu mischinu
lu saziu nun cridi a lu dijunu.

Pi troppu ventu lu vasceddu sferra
pi la gran frevi lu malatu sparra
p’assai cunsigli si perdi la guerra
e pi tanti giudizii si sgarra.

Lauda lu mari e teniti a la terra
pensa la cosa prima ca si sparla
pirchì haju ntisu diri a la me terra
cu fa li cosi giusti mai li sgarra.

A chiànciri figliuzza chi cci cavi
lu sangu t’arribbelli e po’ murìri
pacenzia ci voli a li burraschi
ca nun si mancia meli senza muschi.

Ma cu du’ lepri voli assicutari
nè unu e nè l’autru po’ aggarrari
ma cu nun fa lu gruppu a la gugliata
perdi lu cuntu cchiù di na vota.

Ci dissi lu jadduzzu a la puddastra
tuttu lu munnu è comu casa nostra
ci dissi la padedda a la gradiglia
haiu pisci grossi mancia e no fragaglia.

Accosta veni ccà mancia carduna
ca a lu casteddu mancianu picciuna
rispunni e dici lu ziu Nicola
si la pignata ’un vuddi nun si cala.

Lu picuraru ca fa la ricotta
lu sapi iddu l’amici c’aspetta
la furca nun è fatta pi lu riccu
è fatta pi la testa di lu porcu.

Nni la testa d’un maiali
tu ci manci tu ci sciali
nni la testa d’un cunigghiu
nenti lassu e nenti pigghiu.

Timpirateddu ti vivi lu vinu
ca ti teni lu stomacu ntonu
cu ammucciau lu latinu
fu gnuranza di parrinu.

’Un c’è festa e nè fistinu
si ’un c’è un monacu e un parrinu
ma lu monacu da Badia
a Gesù lu patrunia.

C’è la monica di casa
a Gesù lu stringi e vasa
nni la casa di Gesù
nzoccu trasi ’un nesci chiù.

Ma cu havi na bona vigna
havi pani, vinu e ligna
e lu trivuli e lu beni
cu cci l’havi si lu teni.

Quannu chiovi di matina
pigghia l’aratru e và simina
quannu veni lu giugnettu
lu frumentu sutta lu lettu
ma la luna di jnnaru
luci comu jornu chiaru.

Signuruzzu chiuviti chiuviti
ca l’arburelli su morti di siti
e si acqua ’un nni mannati
semu persi e cunsumati

L’acqua di ncelu sazìa la terra
funti china di pietàti,
li nostri lacrimi posanu nterra
e Diu nni fa la carità.

Nesci nesci suli suli
pi lu santu Sarvaturi
’etta un pugnu di nuciddi
arricrìa li picciriddi
etta un pugnu di dinari
arricrìa li cristiani
’etta un pugnu di fumeri
arricrìa li cavaleri.

ItalianoEdit

Tutte le cose vanno al fondo
e al peggio nessuno si rassegna
il destino a certi dà e ad altri toglie
e non ci sembra mai ciò che ci tocca.

Non scorre in piano il nostro cammino
poco crede il saggio all’importuno
il ricco non crede al poveretto
e il sazio non crede al digiuno.

Per troppo vento il vascello naufraga
per la febbre alta il malato sparla
per troppi consigli si perde la guerra
e per troppi giudizi si sbaglia.

Loda il mare e tieniti alla terra
pensa la cosa prima di sparlare
perché ho sentito dire al mio paese
chi fa le cose giuste mai le sbaglia.

A piangere figliola cosa ricavi
il sangue ti guasti e puoi morire
pazienza ci vuole in mezzo alle burrasche
ché non si mangia miele senza mosche.

Ma chi due lepri vuole inseguire
né una né l’altra può afferrare
ma chi non fa il nodo al filo d’ago
perde il conto più di una volta.

Disse il galletto alla gallinella
tutto il mondo è come casa nostra
disse la padella alla graticola
ho pesci grossi: mangia! e non fragaglia.

Accosta viene qua mangia cardi
ché al castello mangiano piccioni
risponde e dice lo Zio Nicola
se la pentola non bolle non si cala.

Il pastore che fa la ricotta
lo sa lui gli amici che aspetta
la forca non è fatta per il ricco
è fatta per la testa del porco.

Nella testa d’un maiale
tu ci mangi tu ci sciali
nella testa d’un coniglio
niente lascio e niente piglio.

Moderatamente bevi il vino
ché lo stomaco ti tonifica
chi ha nascosto il latino
fu ignoranza di prete.

Non c’è festa né festino
senza un monaco e un prete
ma il monaco della badia
a Gesù lo padroneggia.

C’è la monaca di casa
a Gesù lo stringe e bacia
nella casa di Gesù
ciò che entra non esce più.

Ma chi ha una buona vigna
ha pane, vino e legna
e il tribolo ed il bene
chi ce l’ha se lo tiene.

Quando piove di mattina
prendi l’aratro e vai a seminare
quando viene il giugnettu
il frumento sotto il letto
ma la luna di gennaio
fa luce come giorno chiaro.

Signuruzzu chiuviti chiuviti
chè gli alberelli sono assetati
e se acqua non ne mandate
siamo perduti e rovinati.

L’acqua del cielo sazia la terra
fonte piena di pietà
le nostre lacrime cadono per terra
e Dio ci fa la carità.

Esci esci sole sole
per il Santo Salvatore
butta un pugno di noccioline
diverti i bambini
butta un pugno di denari
conforta gli uomini
butta un pugno di concime
inzacchera i cavalieri.