FANDOM

1,927,051 Pages

SicilianoEdit

Ntra viddi e vaddi e nta voscuri funni
unn’é l’amanti mia di ccà mi spriu
la vaiu pi circari e ’un trovu dunni
pi lu so amuri lu munnu firriu.

Mi votu cu lu mari e spiu all’unni
mi dati nova di lu beni miu
e l’ecu di luntanu m’arrispunni
ca schiava di li turchi si nni ju.

M’addisiassi la spada d’Orlannu
quantu girassi pi tuttu lu munnu
la mè Agatuzza nni mori chist’annu.
cu t’affirravi… ivi! mi cunfunnu.

Fu sò mammuzza cu cori tirannu
la mannau a mari a circari lu nunnu
comu ncagliasti, ’un sintisti lu bannu
’un ci jti a mari li turchi cci sunnu.

Pigliati l’armi curriti picciotti
ci voli forza e curaggiu di tutti
cu misi ncruci e cu mpindia li crocchi
comu traseru sti nfamazzi turchi.

ItalianoEdit

Tra ville e valli e tra boschi fitti
dov’è l’amante mia da qui mi chiedo
vado per cercarla e non trovo dove
per amore suo il mondo giro.

Mi rivolgo al mare e chiedo alle onde
mi date nuova del bene mio
e l’eco da lontano mi risponde
che schiava dei turchi se ne è andata.

Vorrei la spada di Orlando
per poter girare tutto il mondo
la mia Agatina morirà quest’anno!
chi ti ha preso?… Ah! Mi confondo.

Fu sua madre che con cuore tiranno
l’ha mandata a mare a cercare lu nunnu.
Come ci sei cascata, non hai sentito il bando
(che diceva) non andate al mare ché ci sono i turchi?

Impugnate le armi, correte picciotti
ci vuole la forza e il coraggio di tutti
chi ha crocifisso e chi ha appeso alla forca
come sono entrati questi infami turchi.