FANDOM

1,952,856 Pages

SicilianoEdit

Lu Verbu sacciu, lu Verbu haiu a diri
lu Verbu ncarni di Nostru Signuri.

Dintra un truncu di cruci happi a muriri
pi sarvari a nuatri piccaturi.

A Cruci quant’è arta e quant’é bella
un vrazzu arriva ncelu e l’autru nterra.

A la valli di Gesuvà
picciuli e ranni hamu a essiri ddà.

San Giovanni avanti avanti
cu un libru d’oru nta li manu ca liggia.

Signuri pirdunatili sti poviri piccaturi!
Giuvanni, comu l’haiu a pirdunari
ca peccanu lu Pasqua e lu Natali?

Ci haiu datu lu cunfissuri
nun si vonnu cunfissari
ci haiu datu lu pridicaturi
nun lu vonnu ascutari
Vo… sia a l’infernu nfernali.

Rispunni Maria e dici:
cu lu dici tri voti a lettu
non aviri paura di fiddettu
cu lu sapi e nun lu dici
l’armuzza sua nni la pici
cu lu sapi e nun lu mparirà
centu balati di focu avrà.

ItalianoEdit

Il Verbo conosco e il verbo devo dire
il Verbo incarnato di nostro Signore.

Sul tronco di una croce dovette morire
per salvare noi peccatori.

La croce quanto è alta e quanto è bella
un braccio arriva in cielo e un l’altro in terra.

Alla valle di Giosafat
piccoli e grandi dobbiamo andare.

San Giovanni avanti a tutti
con un libro d’oro tra le mani che leggeva.

Signore, perdonate questi poveri peccatori!
Giovanni, come posso perdonare
che peccano a Pasqua e a Natale?

Ho dato loro il confessore
non si vogliono confessare
ho dato loro il predicatore
non lo vogliono ascoltare
Allora sia l’inferno infernale.

Risponde Maria e dice:
chi lo dice tre volte a letto
non dovrà temere incubi
chi lo sa e non lo dice
l’anima sua (vedrà finire) nella pece
chi lo sa e non lo insegnerà
cento lapidi di fuoco avrà