FANDOM

1,927,547 Pages

SicilianoEdit

Accattari vurria na virrinedda
di notti la to porta spirtusari
vidiri gioia mia quantu si bedda
quannu ti spogli prima di curcari.

E temu ca nun fussi accussì bedda
ca l’occhi nun m’avissiru annurbari
lassa la porta misa a spaccazzedda
ca ju stanotti ti vegnu a truvari.

E na varcuzza banneri banneri
sta dia d’amuri ni vinni a purtari
ridianu tutti li cilesti sferi
trimavanu li specchi di lu mari.

Binidittu lu Diu chi ti manteni
c’accussì bedda ti vosi furmari
spampinanu li ciuri unn’é ca veni
l’ariu tribulatu fai sirinari.

Avia li trizzi di na Mantalena
ntesta si miritava na curuna
nni la to casa nun ci sta lumera
lu lustru lu fai tu, stidda Diana.

Catina ca mi teni ncatinatu
catina chi ncatini l’arma mia
beni ti vogliu cchiù di lu me ciatu
accussì criu ca vo beni a mia.

ItalianoEdit

Vorrei comprare una piccola verrina
di notte la tua porta bucherellare
vedere gioia mia quanto sei bella
quando ti svesti prima di coricarti.

E temo che tu sia così bella
da rimarne accecato
lascia la tua porta accostata
che questa notte vengo a trovarti.

Una barchetta tutta imbandierata
questa dea d’amore venne a portarci
sorridevano tutte le celesti sfere
luccicavano gli specchi del mare.

Benedetto quel dio che ti fa vivere
ché così bella ha voluto formarti
impallidiscono i fiori dove passi
e l’aria tempestosa fai rasserenare.

Aveva le trecce di una Maddalena
sul capo meritava una corona
nella tua casa non c’è lanterna
la luce la fai tu, stella Diana.

Catena che mi tieni incatenato
catena che incateni l’anima mia
bene ti voglio più del mio respiro
così spero tu voglia bene a me.