FANDOM

1,940,141 Pages

SicilianoEdit

Lu sidici di maju a prima sira,
lu tempu scuru e luna nun cci nn’era.

L’empij scillirati e traditura,
nun vosiru addumari li lampera.

A lu paisi quantu luttu c’era
quannu arrivau la figlia criatura.

Patruzzu miu, comu fazzu ora
ca piccilidda cci arristavu sula.

E don Lorenzu va a la sipultura
accumpagnatu di tutta la Lega.

Accumpagnatu di tutta la lega
ognunu la so’ lingua studiava.

Ognunu la so’ lingua studiava
a don Lorenzu la vita liggeva.

Chiancimmu tutti genti siciliani:
muriu lu patri chi dava lu pani.

Comprici sunnu li affittajola
macari agenti di cancillaria.

A li putenti chistu un ci calava
ca don Lorenzu l’occhi nni grapria.

E p’aviri a lu populu aiutatu
a don Lorenzu ci finì ammazzatu.

ItalianoEdit

Il sedici di maggio a prima sera
il tempo scuro e luna non ce n’era.

Gli empi scellerati e traditori
non vollero accendere i lampioni.

In paese quanto lutto c’era
quando arrivò la figlia povera creatura.

Padre mio come faccio adesso
ché bambina sono rimasta sola.

E don Lorenzo va a la sepoltura
accompagnato da tutta la Lega.

Accompagnato da tutta la Lega
ognuno restava con la lingua muta.

Ognuno restava con la lingua muta
alla vita di don Lorenzo ripensava.

Piangemmo tutti quanti i siciliani:
è morto il padre che difendeva il nostro pane.

Complici sono gli affittuari
ed anche gli agenti del municipio.

Ai potenti questo non andava giù
che don Lorenzo gli occhi ci aprisse.

E per avere il popolo aiutato
don Lorenzo finì ammazzato.