FANDOM

1,928,470 Pages

StarIconGreen
LangIcon
​Le Ragazze Kamikaze

This song is by Le Luci della Centrale Elettrica and appears on the album Per Ora Noi La Chiameremo Felicità (2010).

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti
E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

Guardare i fuoristrada che si incastrano nei vicoli
E misurarci i battiti cardiaci coi sismografi
Perchè hai delle cose da dirmi e da tirarmi

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

Falliscono le compagnie aeree, le banche, le case discografiche
E chissenefrega, come le città che ci telefonano di sera
Che hanno la voce forte di tua madre, i nostri disagi economici,
Gli stessi padri che parlano con i cani

Coloreremo ancora le bici rubate di verde militare
Per nasconderci nei parchi e nei parcheggi a scopare,
Tanto nei telegiornali troveranno altri sinonimi,
Astronavi o transatlantici dei finanzieri,
Dormitori in fondo al mare per tutti gli altri

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

Il blu oltremare delle nostre anime assiderate
Che se avevi gli occhi lucidi era per la congiuntivite
Altre orchestre di clacson sotto le nostre finestre
Altre stelle comete meteore voli 30 metri dalle impalcature

Si alzerà il livello delle acque
Le tue ragazze kamikaze
Si alzerà il livello delle acque
Le ragazze kamikaze
Le tue poesie di quattro righe

Nei nostri sogni ricorrenti ci sono dei black-out
Perché ci sono troppi condizionatori accesi
Nei nostri inutili patti atlantici notturni
Tra le lenzuola e tutti gli altri continenti
La reazione dei residenti
La reazione dei residenti
La reazione dei residenti
La reazione dei residenti

Erano le paure di tutti, le armi, i progressi tecnologici,
I tuoi discorsi luminosi e le grida delle madri che coprivano tutto
Era per cercare di venderti e di vederti
Le tue illuminazioni, i nostri cristi fosforescenti
I nostri pomeriggi appesi, appesi come Mussolini
E lunghi tirocini, incendi nei tuoi capelli biondi
E fiumi di detersivi

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti

E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti
Tu non preoccuparti
Tu non preoccuparti