FANDOM

1,928,235 Pages

StarIconGreen
LangIcon
​Gocce Di Sole

This song is by Assalti Frontali and appears on the album Terra di nessuno (1992).

Ho guardato sempre in faccia quello che era vero
per andare avanti e ricominciare
ricominciare da zero
da zero ricominceremo insieme
in un'ora fredda come il vento che porta la neve
quando ti sembra di non vedere la fine
e ti chiedi come fai a non perdere la testa
quando ti sembra di non conoscere più il posto dove stai
e ti chiedi come fai a non affondare
in un'ora come questa ora vieni vicino

vieni vicino per oggi siamo una guida
queste non sono favole penso resti un'amica
un valore vero fatti non parole non proclami
non potete fermarli: sono fatti reali
è una di noi perché è una di noi
è una legge di natura che dirti? che vuoi?
ora muovo un passo è il nostro coraggio
non torno a mani vuote al mio villaggio
la nostra vita contro quella di chissà
solidarietà contro tabù e falsità
e anche quante stecche ora sento lì fuori
avidi sorrisi per realtà d'avari
a noi invece piace pensare al tutto
anche senza macchinone poi non è così brutto
forse io non sono tu non sei ma so che sei una
una di noi

uno di noi perché è uno di noi
non è una favola è uno di noi
una di noi perché è una di noi
forse è una favola una di noi
uno di noi una di noi

il tempo passa e guarda cosa ci lascia pensaci
non sono solo immagini
quanti di noi respinti hanno già perso i loro istinti
nel mezzo invisibili
spalle al muro e davanti il presente
spacciato come l'unico futuro
ma vedi io so che quello che abbiamo
è solo quello che noi ci siamo presi
e tu sei così speciale che vederti lasciarti andare
è un delitto tale
un'altra notte diventa mattina
per istinto ti cerco
non vorrò niente in cambio
se non vederti splendere come una goccia di sole

c'è chi si perde perché non c'ha mai creduto
e non ci crede
come scusa dice quando avrai trent'anni è normale
continuo ad invecchiare e sono veramente certo
sono Castro X e ancora mi diverto
la musica è importante è un colore della vita
colonna sonora del battito di strada
che il vento e la sabbia non annebbino la mira
l'essere uniti è un'arma calibrata

odio e amore
negli anni hanno invaso il mio cuore
sarà forse per questo che disprezzo chi lo invade di paure
chi ha il cuore pieno di scorpioni interessi pregiudizi così bassi
che sono vergogne antiche come le montagne
sarà che confondo il mezzo con il fine per andare avanti
ma non ho mai ceduto senza battermi
anche se nel tempo ho dato ho avuto
e ho imparato a convincermi
che questo non è il mondo dei pari
ma il regno dei dispari
resisti
giorno dopo giorno
in fondo nel viaggio non c'è molto da scegliere
o ti batti o ti fai battere
forse io non sono tu non sei ma so che sei uno
uno di noi

uno di noi perché è uno di noi
non è una favola è uno di noi
una di noi perché è una di noi
forse è una favola una di noi
uno di noi una di noi

come i graffiti lasciati su un cuore in piena
da una goccia di sole così bella come la primavera
una meteora che vola oltre l'orizzonte senza paura
senza paura di essere libera.